Anatomia occhio

L’occhio è l’organo della vista e fa parte del cervello cui è collegato tramite il nervo ottico.

L’occhio ha una struttura anatomica altamente sofisticata e complessa.
Per comprendere meglio come funziona il sistema visivo si è soliti paragonare l’occhio e le sue strutture alle componenti di una macchina fotografica.

La cornea ed il cristallino sono due strutture trasparenti, sono due vere e proprie lenti naturali che funzionano rispettivamente come l’obiettivo e l’oculare di una macchina fotografica.
Tra la cornea ed il cristallino c’è l’iride, un anello muscolare, meglio noto come il colore dell’occhio, che delimita un foro tondo centrale, la pupilla.

L’iride funziona come il diaframma della macchina fotografica: si allarga e si stringe automaticamente secondo la quantità di luce che entra nell’occhio.

anatomia occhio

L’occhio dispone anche di uno zoom inconscio che è noto con il
nome di accomodazione, un meccanismo muscolare automatico
che agisce modificando la forma del cristallino
secondo la distanza dell’oggetto che si sta osservando e che permette la messa a fuoco istantanea dello stesso.

Nell’occhio normale, emmetrope, l’immagine di un oggetto attraversa la cornea ed il cristallino e, grazie a loro, va a generare uno stimolo visivo sulla retina, una sottile membrana che riveste l’interno dell’occhio e che equivale alla pellicola fotosensibile.

anatomia occhio

Gli stimoli visivi quindi vengono trasformati in impulsi nervosi e, attraverso il nervo ottico, raggiungono il cervello nella corteccia visiva, dove vengano decodificati. E’ a livello del cervello che si ha la vera e propria percezione visiva.

Se si ha un’alterazione o un difetto in una qualsiasi di queste componenti, si ha una percezione imperfetta delle immagini.